dim, didattica museale, assessorato alla cultura, comune di Terni
24 Luglio 2017  
 




   
   
 
 
pagina precedente1 di 1pagina successiva
 
 

Musei
anteprima di stampa

Anfiteatro romano

L’anfiteatro romano di Terni rappresenta senza dubbio uno dei monumenti di maggior spicco legati alla storia antica della città. Nonostante la sovrapposizione di strutture medievali e moderne, quali il complesso del palazzo vescovile, la Curia e la ex chiesa della Madonna del Carmine, la caratteristica forma ellittica è chiaramente leggibile in tutto il suo sviluppo, poiché le costruzioni posteriori ne ricalcano l’andamento, avendo sfruttato in molte delle loro parti i muri antichi.
L’anfiteatro sorgeva all’interno della cinta muraria del municipio di Interamna Nahars, perfettamente inserito nel reticolo viario antico, ai margini dell’abitato e in prossimità della porta attraverso la quale la via Flaminia, giungendo da Narnia, entrava in città.
Della struttura originaria sono visibili lunghi brani della galleria perimetrale, coperta con volta a botte, alcuni degli ambienti radiali che sostenevano le gradinate e un breve tratto di un secondo corridoio anulare. I resti raggiungono la loro massima altezza, pari a circa dieci metri, lungo via del Vescovado dove, al di sopra della volta dell’ambulacro, si conserva parte del muro anulare interno dell’ordine superiore.

 

Anfiteatro romano,  via del Vescovado, Terni

 
 
     
       
Designed by: OzStudio